martedì 16 giugno 2009

LETTERA AD UN DETENUTO



AL MIO AMICO DETENUTO

Al mio caro amico detenuto,sono io l’anonimo che ti scrive,vorrei dire che hai tutta la mia solidarietà,in quanto anche io ex galeotto. Molti ci condannano, molti ci giudicano, altri ancora vorrebbero vederci morti, ma la verità e che nessuno può scegliere la vita di un altro.
Amico mio detenuto, in queste 4 mura, hai tutta la mia solidarietà, si hai potuto sbagliare, hai potuto commettere una cattiveria, insomma stai pagando molto; perché il prezzo della libertà lo sappiamo solo NOI. Pensare che ci sono persone che credono che ritornare dentro sia un successo della vita, vanno addirittura vantandosi della loro carcerazione, ma io, so molto bene che non è così, chiunque di noi ha sofferto, le umiliazioni, le ingiustizie, insomma un po’ di tutto, non vorrebbe più ritornare in quelle celle fredde e senza luce.
Ricordo molto bene i miei mesi trascorsi li, non facevo altro che pensare alla casa … al mio piccolo figliuolo … alla mia cara moglie, e il non poter far nulla per loro perché imprigionato in queste 4 mura umide d’inverno e infuocate d’ estate, diventi ancora più sofferente. Solo noi possiamo aiutarci, possiamo spendere qualche parola in favore alla famiglia, piangere sulla spalla di un compagno che e lì, magari per lo stesso tuo sbaglio, e una cosa talmente brutta che a volte vorresti toglierti la vita; ed io ne ho viste di persone che fuori sono eroi e dentro bambini, lì la sofferenza e troppa, e a volte si paga con la stessa vita che Dio stesso ci ha dato.
Molte volte e capitato di fare cose che neanche pensi quotidianamente, ma che sei arrivato al punto di commettere un suicidio, la gente fuori questo non lo sa, perché fra di noi nascondiamo il dolore, e tutta la nostra sofferenza, perché siamo delle persone cattive e tutto questo noi non lo possiamo dimostrare, altrimenti che cattivo sei, invece non è così, invece lì trovi delle persone pronte ad accoglierti e risolvere tutti i tuoi problemi, quelli morali, s’intende.
A tutte quelle persone che ci giudicano, a quelle che non combattono la vita dura, a quelli che riescono ad arrivare alla fine del mese senza nessun problema, all’alta borghesia mi voglio rivolgere, non giudicate un detenuto, non giudicatelo e tantomeno non emarginatelo, si commettono errori e se siamo detenuti vuol dire che la nostra pena la stiamo scontando.
Al mio caro amico detenuto, cerchi di guardare fuori, trovare qualche attimo di distrazione, ma lo sai che è proibito, devi fare attenzione alle guardie, che all’improvviso possono darti qualche bastonata sul viso, invece tu, rientra dentro e cerca di pensare solo cose belle, quelle che dopo farai, quando un giorno di qualche anno a te sconosciuto potrai rivedere la vita e cercare di non sbagliare più.
Mentre a voi che siete al di la delle sbarre vorrei ripetere quello che il mio cuore mi suggerisce: non giudicate, e soprattutto non condannate, perché anche un solo mese per noi lì, è molto, e ci fa capire che rientrare non conviene perché i beni che si possono perdere valgono molto di più di un qualsiasi sbaglio commesso. Perciò state sempre dietro le quinte in modo che la parola vostra non contribuisce a quella giuridica. GRAZIE AMICI …….

2 commenti:

  1. Che dirti,forse perchè conosco la tua storia ma stavolta 6 stato tu a far commuovere me... Sembra strano ma non riesco a trovare le parole giuste,forse perchè non esistono parole giuste per giustificare chi si permette di giudicare una persona solo perkè ha commesso degli sbagli,come giustificare chi ritieni sia la tua "famiglia " e poi ti volta le spalle quando ne hai davvero bisogno,accrescendo in questo modo il tuo male!!! in quei mesi che tu eri lì avevo tanta rabbia dentro di me,perchè vedevo ke ti etikettavano come un "delinquente",come la parte marcia della società e allora mi domandavo ma come si permettono,ma ke cazzo ne sanno loro di come lui si sente di come si sente la moglie quando cammina per strada e viene additata "come la moglie di..."loro non sapevano niente e quando mi domandavano ma tu 6 la nipote di...io atesta alta dicevo SI sono io ma non perkè ero fiera di quello ke avevi fatto ma perkè ero fiera di te,di come 6,come persona... tu per me da sempre nn sei uno zio e lo sai,tu 6 un pò il fratello maggiore che non ho mai avuto,sempre lì pronto a darmi un consiglio e ad aprirmi gli occhi quando stavo per fare qualche sbaglio...hai ragione tu quando dici ke solo un detenuto può capirti,perkè io mille volte ha provato a mettermi nei tuoi panni,a provare anke solo per un istante come ci si sente a stare kiuso in 4 mura fredde.... ma non ci sono mai riuscita!!! ho una forte ammirazione nei tuoi confronti perkè ricordo quando eri kiuso lì e mi inviavi le lettere, dalle tue parole nn facevi mai trasparire le tue sofferenze e poi...quando leggevo le lettere ke inviavi a mamma dove esprimevi quello ke realmente provavi ero ancora + arrbbiata con ki non ha mai provato a mettersi nei tuoi panni e ki ha saputo solo giudicarti senza provare per un attimo a kiedersi ma se lo ha fatto ci sarà un motivo no? poki sanno ke nelle tue intezioni c'era del buono... e poi quanto sono stronze qll persone che credono ke il detenuto debba essere solo e per forza un criminale,una persona cattiva;ecco perkè ho deciso ke da grande farò l'avvocato,voglio difendere ki kome te sbaglia ma poi si pente e voglio far capire a qst merda di società ke il detenuto ha dei sentimenti,ke la sensibilità del detenuto è maggiore,ke il detenuto è come un pirandelliano "forestiere della vita"costretto a mettersi da parte e a guardare con altri occhi la vita,la sua vita,e a riflettere sui suoi sbagli per uscir un giorno da quella cella non con la rabbia ma con la consapevolezza di voler essere un uomo migliore ! Ora è meglio concludere perkè come al solito mi sono dilungata troppo...Beh ke dirti tu 6 forte e hai accanto una moglie un figlio fantastici e tutti e 3 insieme supererete tutto,e un giorno riuscirai a prenderti la tua rivincita con chi ha saputo solo giuducarti e a quel punto io sarò lì,con la stessa fierezza di cui ti parlavo prima ed ancora una volta dirò SI,LUI è MIO ZIO!!! quello ke ti auguro è ke tu torni presto a vivere la tua vita in tutte le sue sfaccettature e nn abbatterti per ki non riesce a comprenderti,non meritano nemmeno un pò dei tuoi pensieri tu 6 una persona speciale e ti meriti solo il meglio!!! TI VOGLIO BENE ZIETTO .... Nunzia

    RispondiElimina
  2. T.V.B.anche io piccola mia.......

    RispondiElimina